Via Casalone,48 -Agerola(Na)
(+39) 3383954325 - 3338612403 - 0818731653
PRENOTA

Agerola

Villa Paradise Resort b&b ad Agerola, Bomerano: trekking e tour in Costa d’Amalfi

La storia del b&b e di Agerola seguendo le orme degli scrittori, artisti e personaggi che l’hanno celebrata nel mondo

Villa Paradise Resort b&b ad Agerola, Bomerano, è la meta di soggiorno ideale per il trekking e le escursioni sulla Costiera Amalfitana

Villa Paradise Resort b&b si trova nella frazione di Bomerano ad Agerola, in provincia di Napoli, a 30 minuti Amalfi e dall’autostrada di Castellammare di Stabia, a 40 minuti da Pompei Scavi, a 50 minuti da Positano, a 55 minuti dall’aeroporto di Napoli.
Le nostre camere b&b vista sul mare sono eleganti e confortevoli e offrono una deliziosa e abbondante colazione a buffet inclusa nel prezzo ricca di prodotti della tradizione.

Villa Paradise Resort nasce dalla realizzazione di un sogno dei giovani coniugi Iovieno, di origini di Agerola ma vissuti negli Stati Uniti e nel Nord d’Italia, che sono ritornati nella propria terra alla scoperta delle proprie radici. Come la famiglia Iovieno, anche turisti dal tutto il mondo e molti illustri personaggi sono stati conquistati dalla natura rigogliosa di questo territorio, dalla genuinità dei suoi abitanti, dalle tradizioni millenarie, dai suoi prodotti tipici e dai panorami che si ammirano dai suoi numerosi piazzali che si affacciano sulla Costiera Amalfitana.

» Leggi

Sono innumerevoli i luoghi da visitare da Agerola, Bomerano! Scopriteli con Villa Paradise Resort b&b

Presso Villa Paradise Resort b&b ad Agerola, Bomerano rivivrete le emozioni degli artisti che nei secoli scorsi scelsero di soggiornarvi: qui Francesco Cilea compose la famosa aria lirica de” Il Lamento di Federico” nell’opera “l’Arlesiana”; i tramonti, le notti di luna piena, i paesaggi sono stati impressi nei versi del poeta Salvatore di Giacomo e nei racconti degli scrittori Guido Piovene ed Emilio Scagliola; il suo volto più intimo è stato racchiuso nell’opera più famosa del drammaturgo Roberto Bracco, “Il Piccolo Santo”. Villa Paradise Resort ha riconsegnato voce alle prestigiose opere di questi autori.
Agerola era nota sin dai tempi dei romani per le virtù salutari del latte, decantate da Galeno, fornito dagli ovini e dai bovini di questa valle. Già nel 1284 era approvvigionatrice di prodotti a base di carne suina presso la Corte Angioina (un personaggio di origine agerolese fu anche inserito da Giovanni Boccaccio anche in una novella del Decamerone) e, in seguito, famosa in tutto il mondo per i suoi prodotti alimentari (salumi, formaggi, Provolone del Monaco D.O.P. e fior di latte, taralli e pane integrale, pomodori del piennolo, pere pennate e altro).
Le tradizioni gastronomiche e i prodotti biologici della nostra fertile terra arricchiscono ogni mattina le ricche colazioni servite a Villa Paradise Resort.
Dalle pagine degli scrittori, che hanno ambientato le loro opere ad Agerola, nascono numerosi itinerari di ecoturismo che potrete scoprire durante il vostro soggiorno presso Villa Paradise Resort b&b a Bomerano di Agerola e visitando il nostro sito online.

» Chiudi

Le passeggiate eco-turistiche e panoramiche sulla Costiera Amalfitana da Villa Paradise Resort: i percorsi storici e gli eventi di Agerola

» Leggi

Agerola offre straordinarie passeggiate e spettacolari eventi che hanno luogo in tutti i periodi dell’anno: il Carnevale, le Vie Crucis del Venerdì Santo, la Processione dei Battenti, nelle piazze e lungo le vie del paese, il Presepe Vivente di Campora, le sagre dei prodotti tipici nei diversi borghi. Numerosissimi sono gli appuntamenti del Festival Sui Sentieri degli dei, un’entusiasmante rassegna artistica e culturale che ospita personaggi celebri del mondo dello spettacolo, della musica, del cinema e della letteratura nei luoghi più belli e panoramici di Agerola. Inoltre, per gli appassionati, vi sono gli eventi sportivi come la Coppa Primavera, il Trail running lungo il Sentiero degli Dei, le gare di maratonina e di ciclismo e tanto altro ancora.

Frazione Bomerano – Punta Belvedere Fausto Coppi

La Punta Belvedere Fausto Coppi, a pochi passi da Villa Paradise Resort, ospita una piccola piazzetta da cui ammirare una stupenda panoramica. Essa apre simbolicamente le porte alla Costiera Amalfitana, sorgendo al confine di Agerola con il Comune di Furore. Una targa su un monolite ricorda la famosa volata del 3 aprile del 1955, del campione del ciclismo Fausto Coppi, detto L’Airone, durante il Giro d’Italia. Da punta Fausto Coppi, lungo la statale 366 Agerola-Amalfi, per gli amanti delle passeggiate, s’incontrano le antiche gradinate di collegamento tra la frazione Bomerano di Agerola e Furore.

Parco Corona e Belvedere Punta Corona

Villa Paradise Resort è immersa nel rigoglioso Parco Corona, una vasta area di bosco ceduo coltivato a castagni, perfetto per jogging mattutino e passeggiate all’aperto. Il belvedere Punta Corona regala un favoloso panorama sulla Costiera Amalfitana. Lungo il percorso del Parco Corona, verso la Piazza Paolo Capasso di Agerola, scorgerete degli incantevoli scorci su Praiano, il profilo della costa fino a Punta Campanella e dell’Isola di Capri con i suoi faraglioni. La passeggiata conduce anche al Sentiero degli dei, che comincia con la Grotta del Biscotto, così denominata perché la sua particolare conformazione ricorda i biscotti di pane duro, prodotto tipico di Agerola.

Piazza Paolo Capasso

La Piazza Paolo Capasso, raggiungibile anche a piedi da Villa Paradise Resort, è il centro nevralgico della frazione di Bomerano. Qui si concentrano bar, caffetterie, negozi di prodotti tipici e souvenir, pizzerie, ristoranti. La piazza in estate ospita molti degli eventi del programma del Festival sui Sentieri degli dei. Nel mese di Luglio diviene la tappa principale del Borgo del Pane, una sorprendente sagra dei prodotti tipici tra gli antichi vicoli, case e cortili del borgo, in cui si può gustare la cucina tradizionale di Agerola, riscoprendo le antiche tradizioni. Ogni tappa è rallegrata da musicisti e cantanti e culmina con un concerto e spettacoli nella Piazza. Quest’ultima prende il nome da un personaggio illustre della storia di Agerola: il tenente Paolo Capasso, di Agerola, insignito della Medaglia d’oro al valor militare alla memoria per il coraggio dimostrato durante un attacco con gas asfissianti avvenuto nel mattino del 29 luglio 1916 sul Monte San Michele del Carso. Dalla Piazza Paolo Capasso comincia il percorso per raggiungere l’incantevole Sentiero degli dei, antichissimo e meraviglioso tracciato che conduce a Positano. Sulla piazza affaccia la Chiesa Parrocchiale San Matteo Apostolo, del XVI secolo, che custodisce meravigliose opere dal quattrocento al XIX secolo.
www.proagerola.it/eventi/sui-sentieri-degli-dei
www.proagerola.it/eventi/sagre

Passeggiata al Belvedere di Paipo

La terrazza Belvedere di Paipo dona una meravigliosa vista su Positano, Punta Campanella e Capri. Raggiungibile in auto dalla Piazza Paolo Capasso, attraversando piccole stradine di montagna, oppure con una lunga passeggiata a piedi, vi condurrà presso uno dei più bei luoghi panoramici di Agerola.

Chiesa di Tutti I Santi a Bomerano e la sagra GustaSettembre

A poca distanza da Villa Paradise Resort, la chiesa conserva elementi architettonici del XV secolo ed è dedicata al culto di S. Maria e Tutti I Martiri (risalente al VII secolo). L’altare maggiore reca una bellissima tavola del 1652 del pittore, ben noto a Napoli, Michele Ragolia. Nel transetto è esposto un affresco tardo gotico raffigurante la Vergine Maria con Bambino e angeli. Al culto di questa chiesa sono molto legati ancora oggi tanti migranti da Agerola, che vivono ormai da decenni in tutte le parti del mondo. La festa parrocchiale è il 12 settembre di ogni anno. In questo periodo si tiene anche la sagra GustaSettembre, che attrae numerosissimi visitatori. Un’occasione gastronomica stuzzicante che celebra anche le nozze simboliche tra due prodotti tipici di Agerola: la pera pennata e il provolone del monaco D.O.P.

http://www.gustasettembre.it/

Frazione di Pianillo, il culto di Sant’Antonio Abate e la sagra del Fior di Latte ad Agosto

Nella Chiesa di San Pietro Apostolo, del XII secolo, si custodisce la statua del Santo Patrono di Agerola, Sant’Antonio Abate. La festa religiosa è il 17 gennaio e raccoglie tutti gli agerolesi lungo le varie processioni frazione per frazione. Il rientro della statua del Santo, dopo essere stata ospitata di settimana in settimana nelle varie parrocchie, viene vissuto con gran gioia e illuminato dal caratteristico “focarone”, un’enorme catasta di legna che viene data alle fiamme. Durante i festeggiamenti estivi del Santo Patrono si organizza la famosa sagra del Fior di Latte che è il principe nelle preparazioni gastronomiche da gustare.

www.fiordilattefiordifesta.it/

Museo Civico Casa della Corte

Presso il Museo Civico Casa della Corte, situato in Piazza d’Italia a Pianillo, potrete visitare la biblioteca storica e il Museo Civico che raccoglie elementi della cultura locale.  Nelle sue sale si può assistere a vernissage e mostre pittoriche, alle proiezioni di filmati e foto, a convegni e rassegne culturali.
Una targa marmorea, apposta presso la facciata della Casa della Corte, Museo Civico di Agerola, recita: “Il piccolo santo”, l’esemplare tragedia del silenzio degli uomini quando parla il mistero.”

Essa è dedicata al grande scrittore, giornalista e drammaturgo, Roberto Bracco soggiornò ad Agerola per diversi anni. Durante la sua permanenza del 1908 scrisse il suo capolavoro innovativo “ Il Piccolo Santo”, un’opera che affronta un attento studio psicologico dei personaggi, ambientandolo in quest’amena valle dominata dall’imponente monte piramidale del Tre Pizzi.

www.comune.agerola.na.it/index.php?action=index&p=840

Frazione Santa Maria – Chiesa Parrocchiale Santa Maria La Manna

La chiesa conserva un’importante scultura marmorea del milletrecento, raffigurante la Vergine in trono con il Bambino, ad opera di Nicola da Monteforte; la Chiesa è denominata La Manna per il particolare liquido che talvolta trasuda dalla statua di marmo . Il piazzale antistante alla chiesa e le vie del borgo ospitano, nei giorni di Ferragosto, la popolare Festa della Patata, un’ottima occasione per gustare le varie preparazioni tipiche con questo prodotto molto coltivato ad Agerola. Il borgo di Santa Maria è una delle location narrate da Emilio Scaglione, giornalista e direttore della redazione napoletana de “Il Mondo”, autore nel 1929 de “Il passo del Diavolo”, romanzo meravigliosamente ambientato ad Agerola.

www.gustalapatata.it/

Frazione Campora – Tra presente e passato e le tradizioni di Agerola

A Campora, nella casa accanto alla Chiesa Madonna di Loreto (dove è custodito il suo mausoleo funebre), nacque il 25 ottobre 1791, il Generale Paolo Avitabile, uno dei personaggi storici del nostro paese. Durante la sua carriera militare, il generale ottenne, in particolare in Persia e in India, numerose onorificenze. Ritornato nel Regno Borbonico delle Due Sicilie, nel 1843, portò una mucca di razza Jersey ottenuta come dono dalla Regina Vittoria d’Inghilterra. Dall’incrocio di questa vacca con il meticcio di altre razze nacque la mucca agerolese, con cui sono prodotti il provolone del Monaco D.O.P. e il fior di latte, protagonista nei menù degustazione delle sagre agerolesi e della Sagra della Caponata di Campora, il due di luglio.
Un’altra tradizione presente da alcuni decenni è il Presepe Vivente che si tiene a Dicembre e a Gennaio tra i vicoli e le case antiche del borgo.

www.parrocchiasanmartinovescovo.com/our-events/presepe-vivente/

Frazione di San Lazzaro – La terrazza sulla Costiera Amalfitana

La Frazione di San Lazzaro inizia con la strada intitolata al noto compositore Francesco Cilea che soggiornò presso una nobile casata del luogo. Durante il suo soggiorno ad Agerola, Francesco Cilea, ideò la famosa aria lirica “Il Lamento di Federico”, presente nel secondo Atto de “L’Arlesiana”, romanza conosciuta in tutto il mondo e interpretata dai più grandi tenori.

Presso la Piazza intitolata al Generale Avitabile, si affaccia la Chiesa della Santissima Annunziata del XV secolo. Nella Chiesa sono custodite la statua raffigurante S.Francesco e una croce marmorea bifacciale, risalente al XIV secolo, provenienti dal convento francescano dei Cospiti. Lo scrittore Emilio Scaglione la descrive in varie parti del suo romanzo Il Passo del Diavolo.
Dalla Piazza Generale Avitabile si giunge al meraviglioso belvedere della Punta, immortalata nei versi di Luna d’Agerola e scenario iniziale del romanzo Il Passo del Diavolo.
La mirabile vista dal Belvedere dona un’incantevole visuale sul golfo di Salerno, fino al Cilento con Punta Licosa e i retrostanti monti. Ci si affaccia sulla sinuosa punta del Capo di Conca nel borgo di Conca dei Marini, e a sinistra, tra l’immensità del mare cobalto, punta Campanella, l’Isola di Capri con i suoi Faraglioni.

Una strada conduce alla parte alta del Belvedere, al Parco della Colonia Montana e all’Osservatorio Astronomico. Un tempo in questo luogo sorgeva il Palazzo del Generale Avitabile, poi sostituito dal Palazzo della Colonia Montana che conserva, sulla sua imponente facciata, due bassorilievi di Eros Pellini. Un’ampia terrazza panoramica dona una vista unica al mondo sulla Costiera Amalfitana; d’estate questa location diviene teatro all’aperto per molti dei prestigiosi eventi del Festival sui Sentieri degli dei.

www.proagerola.it/eventi/sui-sentieri-degli-dei

» Chiudi

Photo Gallery

Scroll to top